Laura Griseri, network software specialist: soluzioni per siti web e video

Perfect Shot Cinque Terre 2.0

By

ago 12, 2013 Fotografia, Video , , , 0 Comments

Un’idea innovativa, a dir poco geniale, sta alla base di questo ambizioso progetto: ogni angolo della Liguria è un set perfetto.

La produzione, la regia, il montaggio, tutto insomma, è a cura di Alessandro Beltrame (AGB Video) ed io, come di consueto, a fare da assistente.

La mattina sveglia all’alba, ad un’ora a dir poco assurda. Poi viaggio infinito fino alla location scelta come set.

Qui vedo per la prima volta un drone, ovvero un mini elicotterino con 8 pale in grado di sollevare una telecamera da terra per compiere parabole incredibili. Addetti al drone sono i ragazzi della Cinefly, dei big del settore.

Caricati di bagagli, iniziamo a conoscere tutti gli altri davanti ad una ricca tavola imbandita: torta di riso, focaccia e caffè. Il paesaggio dalla terrazza è favoloso, ma ovviamente la fame ha il sopravvento. D’altro canto, sono solo alla 3a colazione!

Pronti per l'avventura!

Dopo il recupero fisico partiamo. Ci carichiamo come muletti (già per riprese “normali” servono quintali di attrezzatura, se ci mettiamo anche il drone sembra di partire per qualche pianeta sconosciuto). Il paesaggio è fantastico, a dir poco. Il caldo è allucinante.

Dopo un bel po’ di fatica, arriviamo alla prima location: una sorta di terrazza-tetto, che ha come unico scopo quello di offrire una piattaforma di decollo al drone.

Grazie a radioline, sbracciate, urla e affini, riusciamo a coordinare tutte le varie postazioni (prima telecamera, seconda telecamera, drone, runners, aiutanti). Esaltazione mode-on quando ci arriva il comando di far decollare.

Perfect Shot Cinque Terre 2.0

Effettuate queste prime riprese, controllate e ricontrollate, ci carichiamo nuovamente e ci incamminiamo verso una nuova meta.

Il sentiero è una favola, capisco perché i runners lo adorano. Da montanara quale sono apprezzo in modo particolare i colori di questa stagione, resi particolarmente brillanti dal contrasto tra il cobalto del mare e il verde acceso delle vigne.

Dopo un’onesto tratto a piedi, giungiamo alla seconda tappa, dove posso fare rifornimento d’acqua tra un volo e l’altro (del drone, non mio). Il posto è da mozzare il fiato.

Perfect Shot Cinque Terre 2.0 Perfect Shot Cinque Terre 2.0

Giusto il tempo di un paio di scatti con una macchinina fantastica, e si riparte.

La location successiva è leggermente più complessa, quindi lo staff si divide; il carico, però, resta lo stesso.

Il brontolio del mio stomaco disturba alquanto queste ultime riprese del mattino, per fortuna non terremo l’audio del drone.

Più tardi, molto più tardi, torniamo sul luogo della colazione e pranziamo. Faccio sparire diverse fette di torta di riso e ripulisco un paio di piattoni di linguine allo scoglio (fantastiche!!).

Pranzo

Trovo particolarmente ostico il percorso fino alla macchina (50 m circa), ma fortunatamente non dobbiamo partire subito con la camminata.

Ci rechiamo in un altro delizioso borgo, sempre all’interno del Parco Nazionale delle 5 Terre. Da lì, seguendo uno spettacolare sentiero, giungiamo alla penultima delle location.

Le immagini parlano da sole.

Fantastica location

Infine, quasi al tramonto, arriviamo all’ultimo set. Ammetto che farsi trasportare da quei deliziosi trenini porta-uva, anche solo per un piccolo tratto, è stato divertentissimo!
Ultimissimi decolli, ultime scene, ultime interviste, ultime corse, ultimi scatti.

Invece no!

Quelli di noi che si reggevano ancora in piedi vengono accompagnati a far visita ad un antico eremo scavato nella roccia.

A quel punto è davvero finita la giornata. Come ogni volta, nonostante la fatica, il caldo e la stanchezza, dispiace sempre un po’ lasciare tutti i membri della spedizione dopo una giornata così intensa.

Ultimo set: corsa al tramonto nei vigneti

Pian pianino si torna a casa. Guardo l’ora e sorrido: 20 ore prima mi stavo preparando ad uscire…

Guarda il video >


Leave a Reply